Informazioni sullo studio

Lo scopo di questo studio internazionale è quello di cercare di prevedere quali tra i pazienti che ricevono radioterapia sono più soggetti di altri a riportare effetti collaterali

Perché stiamo facendo lo studio?

Approssimativamente, la metà di tutti i pazienti con diagnosi di tumore riceve radioterapia come parte del trattamento contro il cancro. La dose di radiazione fornita, tuttavia, è limitata a causa del rischio di danneggiare le cellule sane che circondano il tumore. Non tutti i pazienti reagiscono nello stesso modo alla radiazione. Circa il 5% dei pazienti (5 pazienti su cento) è più sensibile e a rischio di effetti collaterali. In anni recenti, i ricercatori hanno sviluppato modelli predittivi e test biologici per cercare di identificare prima dell’inizio del trattamento quei pazienti che sono molto sensibili. Tuttavia, questi metodi non sono ancora pronti per essere utilizzati nella clinica, quindi le dosi di radiazione per tutti i pazienti sono al momento limitate alle dosi che i pazienti più sensibili possono ricevere.

Che cosa è lo studio REQUITE?

Lo studio internazionale osservazionale REQUITE è il più grande studio di questo tipo. Diversi centri ospedalieri in Francia, Germania, Stati Uniti, Italia e Regno Unito stanno partecipando allo studio prendendo in considerazione pazienti sottoposti a radioterapia per tumore alla mammella, al polmone o alla prostata. Le informazioni raccolte permetteranno ai ricercatori di testare a fondo i modelli di predizione e i marcatori biologici per un loro uso futuro. Se avremo successo, allora in futuro potremo identificare i pazienti ‘radiosensibili’ prima che inizino la radioterapia e questo potrà permettere una personalizzazione del trattamento radioterapico. Questo dovrebbe ridurre gli effetti collaterali per tutti i pazienti, migliorare la qualità di vita e potenzialmente aumentare il numero di pazienti trattati con successo.

Cosa sarà chiesto di fare ai pazienti?

Ai pazienti che prendono parte a questo studio verrà chiesto di completare alcuni brevi questionari sulla loro salute e sui possibili sintomi presenti prima della radioterapia e in alcuni tempi fissati dopo la fine del trattamento. Essi saranno inoltre invitati a fornire un campione di sangue (circa 20 ml, pari a due cucchiai) che sarà esaminato in laboratorio per studiare i biomarcatori che possono predire la sensibilità alla radioterapia.

Per maggiori informazioni sullo studio e sui questionari utilizzati è possibile guardare la colonna di seguito o email Rebecca Elliott (REQUITE Project Manager).

Per informazioni sul cancro e sulla radioterapia qui sotto si trova un elenco di siti web di utilità.

Commenti di alcuni rappresentanti dei pazienti

"Sarei stata felice di compilare i questionari e dare il sangue quando mi sono sottoposta alla radioterapia. “E’ bello vedere una così buona collaborazione tra gli stati europei e anche con gli Stati Uniti per ottenere nel futuro un miglioramento del trattamento dei pazienti.” Più conosciamo meglio possiamo personalizzare il trattamento sul singolo individuo."
Hilary Stobart – ha ricevuto radioterapia per tumore al seno nel 2009.

"Ho dato volentieri il sangue per uno studio genetico sul tumore alla prostata quando mi è stato diagnosticato. Se lo studio REQUITE fosse stato attivo al tempo della mia radioterapia non avrei certo perso l’occasione per contribuire a questa preziosa collaborazione internazionale. Da questo studio non sarò io, in quanto paziente che riceve radioterapia, a trarre beneficio, ma ne avranno vantaggio i pazienti che seguiranno, e che potrebbero avere effetti collaterali indesiderati, come è successo a me.”
Tim Ward – ha ricevuto radioterapia per tumore alla prostata nel 2011.